ART. 1. Nell’anno 2004 è costituita l’Associazione Scuola di Musica San Daniele in forma di associazione non riconosciuta; ART. 2. L’Associazione è apolitica e senza scopo di lucro ed ha per scopo la pratica, lo sviluppo e la diffusione di attività nel campo musicale, intese come mezzo di formazione psichica, morale e culturale degli aderenti, mediante la promozione di ogni forma di attività atta all’esplicazione dei proponimenti sociali; ART. 3. L’Associazione ha sede in Colfosco (TV) in via San Daniele presso il Parco dell’Amicizia; ART. 4. Le Associazioni fondatrici sono: Associazione nazionale Alpini – Gruppo di Colfosco, Corale San Daniele Profeta, Pro Loco di Colfosco e Aria Nuova di Colfosco; SOCI ART. 5. Sono soci: a) le persone che, appartenenti alle associazioni fondatrici, partecipano attivamente a qualsiasi titolo all’attività della Scuola di Musica; b) gli insegnanti della Scuola di Musica; c)gli allievi della Scuola di Musica se maggiorenni oppure gli esercenti la potestà sugli allievi minorenni; d)      le persone che chiederanno di far parte dell’Associazione dichiarando di condividere lo scopo sociale della scuola stessa, dopo l’accettazione e valutazione  da parte del Consiglio direttivo; ART. 6. Tutti i soci devono versare all’atto dell’ammissione la quota associativa annuale. Ogni anno, all’inizio dell’attività musicale e comunque entro il mese di ottobre, tutti i soci sono tenuti a versare la quota associativa . I soci potranno recedere dall’Associazione con dichiarazione scritta da presentare alla medesima sempre entro il mese di ottobre di ciascun anno. Al socio che non versa la quota, sebbene sollecitato, verrà comunicata per lettera l’esclusione dall’Associazione; ART. 7. Il socio che commetta, entro e fuori dell’Associazione, azioni ritenute disonorevoli, o che con la sua condotta costituisca ostacolo al buon andamento del sodalizio, può venire dal consiglio direttivo proposto per l’esclusione. La radiazione viene deliberata in forma inappellabile e senza obbligo di motivazione dal consiglio direttivo; ART. 8. Diritti dei soci: a) Partecipare alle assemblee generali con diritto di parola e di voto; b) Partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo, senza diritto di voto, ma con facoltà di parola, se richiesti dal medesimo; c) Frequentare i locali dell’Associazione e utilizzarne le strutture e le attrezzature con         cura e rispetto delle cose; ART. 9. L’esercizio sociale va dal 1 gennaio a 31 dicembre di ogni anno;  ASSEMBLEA ART. 10. Le assemblee potranno essere ordinarie o straordinarie; ART. 11. La convocazione dell’assemblea ordinaria avverrà normalmente entro il 31 gennaio di ciascun anno per l’approvazione del bilancio consuntivo. Il bilancio preventivo per l’anno successivo dovrà essere convalidato entro il 31 dicembre dell’anno in corso.  L’assemblea verrà convocata altresì per il rinnovo del Consiglio Direttivo, per le modifiche dello Statuto, per quanto indicato all’art. 11 e comunque almeno una volta all’anno per discutere sull’andamento dell’attività musicale; ART. 12. La convocazione dell’assemblea straordinaria, oltre che dal consiglio direttivo, potrà essere richiesta dalla metà più uno dei soci effettivi che potranno proporre l’ordine del giorno. In tal caso l’assemblea straordinaria dovrà essere convocata entro trenta giorni; ART. 13. L’assemblea dovrà essere convocata (secondo le modalità stabilite nell’apposito regolamento) mediante affissione di apposito avviso all’albo dell’associazione almeno otto giorni prima della data di convocazione; ART. 14. Potranno prendere parte alle assemblee ordinarie e straordinarie dell’associazione i soli soci in regola con il versamento della quota associativa. Nessun socio potrà essere rappresentato da altri in assemblea; ART. 15. Tanto l’assemblea ordinaria che quella straordinaria saranno valide con la presenza della maggioranza dei soci (metà più uno). Si riterranno altresì valide in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti. Le deliberazioni saranno validamente assunte se avranno riportato la maggioranza dei voti. Dei lavori è redatto verbale su apposito libro a cura del Segretario e sottoscritto dal Presidente; STATUTO ART. 16. eventuali modifiche del presente statuto potranno essere discusse e deliberate solo dall’assemblea straordinaria dei soci e solo se poste all’ordine del giorno. Per tali deliberazioni inoltre occorrerà il voto favorevole di almeno 4/5 dei votanti, i quali rappresentino almeno la metà più uno dei soci; COMPOSIZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO ART. 17. L’assemblea ordinaria nomina, nel proprio ambito il consiglio direttivo composto da: il presidente, vicepresidente, il direttore artistico, il segretario, il tesoriere e sei consiglieri. I presidenti delle Associazioni fondatrici ricoprono per diritto la carica di consigliere. Tutti gli incarichi sociali si intendono esercitati a titolo gratuito; ART. 18. ogni organo direttivo potrà avvalersi della collaborazione dei soci; ART. 19. Il Consiglio Direttivo rimane in carica 2 anni e i suoi componenti sono rieleggibili.  Per la validità delle sedute del Consiglio Direttivo sarà necessaria la presenza di metà più uno dei membri; le deliberazioni saranno validamente assunte se avranno riportato la maggioranza dei voti; ART. 20. in caso di dimissione di un componente il consiglio direttivo, l’Assemblea generale provvederà, entro un mese dalle dimissioni, alla sostituzione dello stesso, con i metodi previsti da questo statuto; ( il candidato primo non eletto della lista. ) ART. 21. il consiglio direttivo si riunisce ogni qualvolta il presidente lo ritenga necessario o lo richieda la maggioranza degli altri consiglieri, senza formalità; COMPITI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO ART. 22. sono compiti del consiglio direttivo: a) Approvare i bilanci preventivo e consuntivo da sottoporre   all’assemblea e deliberare le quote associative; b) Redigere i regolamenti per l’attività sociale e didattica; c) Deliberare l’ammissione a soci di cui all’ art. 6 punto d); d) Adottare tutti gli eventuali provvedimenti disciplinari che si dovessero rendere necessari; e)  Curare l’ordinaria amministrazione e la straordinaria amministrazione, con esclusione dei compiti espressamente attribuiti all’assemblea dal presente statuto; ART. 23. Il presidente, per delega del consiglio direttivo, dirige l’associazione e ne è il rappresentante in ogni evenienza; ART. 24. Il vicepresidente sostituire il presidente in caso di una sua assenza o impedimento oppure in quelle mansioni per le quali venga appositamente delegato; ART. 25 Il consiglio direttivo risponde in solido del buon andamento dell’associazione sia sul piano morale che su quello finanziario, anche in deroga dell’art. 38 del codice civile; ART. 26. Il segretario dà esecuzione alle deliberazioni del presidente e del consiglio direttivo, redige e conserva i verbali delle riunioni; ART. 27. Il tesoriere cura l’amministrazione dell’associazione, si incarica della riscossione delle entrate e della tenuta dei libri sociali contabili e provvede alla conservazione delle proprietà dell’associazione ed alle spese, da pagarsi su mandato del consiglio direttivo; ART. 28. I revisori dei conti (due effettivi e uno supplenti), sono nominati dal consiglio direttivo tra persone esterni all’associazione. Ad essi è demandato il controllo della gestione finanziaria, con l’obbligo di riferirne al consiglio direttivo; ART. 29. Il direttore artistico è responsabile dell’impostazione e dell’indirizzo culturale da perseguire nel campo della storia della musica, della teoria, solfeggio, armonia,composizione e attività strumentale. Coordina l’attività degli insegnanti e dei programmi da svolgere annualmente. Il direttore artistico sarà coadiuvato da una commissione artistica composta per diritto da tutti gli insegnanti della scuola cui verranno assegnati i compiti più loro confacenti e a seconda della loro disponibilità; ART. 30. La durata dell’associazione è prevista fino all’anno 2050; ART. 31. Il fondo sociale è costituito dalle quote versate da ogni Associazione fondatrice al momento della nascita della Scuola di Musica San Daniele ed è pari a € 800,00. Le entrate sono costituite invece dalle quote sociali, dalle quote per la partecipazione ai corsi di insegnamento, dai contributi o elargizioni a titolo di liberalità che potranno provenire da enti pubblici territoriali (comune, provincia, regione), da organizzazioni regionali e nazionali alle quali l’associazione eventualmente aderisse e da privati cittadini; ART. 32. L’insegnamento delle varie discipline viene affidato ai soci regolarmente iscritti ai quali verranno corrisposte solo le spese sostenute per tali attività. ART. 33. Per tutto quanto non previsto dal presente statuto, si fa riferimento alle norme del codice civile che disciplinano le associazioni non riconosciute.
Lo statuto
Scuola di Musica
“San Daniele”
Colfosco Treviso